riflessi etici

prospettive cristiane sull'attualità

  • L’avventura continua…

    Dal primo novembre 2011 biblicamente diventa Riflessi etici. Cambiano il nome e il formato grafico, ma l’obiettivo del progetto – dal 2005 – resta lo stesso: cogliere nell'attualità i riflessi etici che emergono dai fatti, dai commenti, dalle proposte, dalle speranze di chi ci sta attorno. Rispecchiando valori che vale la pena di riscoprire pienamente e vivere con coerenza.

    Vi aspetto su riflessietici.wordpress.com

Almeno per convenienza

Posted by pj su 24 settembre 2011

“Comportarsi eticamente conviene”: è la risposta di Franca D’Agostini al manifesto (im)morale di Terry De Nicolò, la escort che in un talk show su RaiDue squadernava senza remore la sua spiazzante filosofia di vita secondo la quale “Tarantini è un vincente” (perché ha preferito un giorno da leone a cento da pecora) e “per raggiungere il successo bisogna essere disposti a vendere la propria madre” (chi lo fa è furbo, chi continua a vivere onestamente è “loffio”).

Di fronte a tali convinzioni D’Agostini non si scompone, ma ribatte con un’arma che (forse) perfino la sua interlocutrice indiretta può capire: non quindi in termini di etica e morale, concetti evidentemente estranei alla chiacchierata accompagnatrice, ma di ragione e utilità. È infatti dimostrato dalla storia, spiega la docente nel sul intervento sulla Stampa, che «l’altruismo è economicamente vantaggioso, mentre l’egoismo crea alla lunga individui e società poveri, o mediocri»: è solo questione di tempo, insomma, i “loffi” onesti sopravviveranno ai “furbi” disonesti.

Comunque Terry è in degna compagnia: al nichilismo ottocentesco dell’egoismo come motore della società si fermano anche «molti autorevoli intellettuali contemporanei», e questo nonostante “il risultato di Nash” sia stato «ampiamente sviluppato da schiere di filosofi ed economisti, di cui non si parla mai, preferendo invece ostinarsi su qualche pseudo-Nietzsche o pseudo-Darwin».

Insomma, vivere e operare in termini etici conviene: se non per un afflato morale o per una superiore convinzione, quantomeno dal punto di vista economico.

Ma allora – viene da chiedersi – come mai esseri dotati di raziocinio non riescono a cogliere questo spunto e comportarsi di conseguenza?

È l’effetto di un curioso paradosso: chi ha uno scopo, un obiettivo, una fede, già comprende l’importanza che riveste l’agire in prospettiva, senza bisogno di ulteriori motivazioni di carattere economico.

Chi invece si ferma al credo materialista del “qui e ora” e difetta di una convinzione che voli un po’ più in alto della mera sopravvivenza – ancorché sontuosa -, difficilmente sarà in grado di convincersi dell’utilità di qualcosa che vada oltre l’immediato, nemmeno quando questa sia evidente.

Una miopia etica da alcuni subita, da altri perfino ostentata, che ha come inevitabile conseguenza il fallimento di un’esistenza spesa dietro a qualche emozione spicciola, ma senza un vero perché.

Una Risposta to “Almeno per convenienza”

  1. Luca said

    L’esistenza dei “furbi” in tutto il mondo spiega anche perché invece di poter vivere tutti una vita dignitosa ed abbondante, per qualche milione di persone superagiate ci sono miliardi di persone che muoiono letteralmente di fame, che vivono nella disperazione e nella tristezza.
    Se i “furbi” fossero anche intelligenti, saprebbero che tra questi miliardi che languono, ci potrebbe essere il nuovo Einstein, il nuovo Fleming, il nuovo Jobs…di quante benedizioni si privano…e magari muoiono di mali incurabili che, chissà, qualcuno degli oppressi sarebbe in grado di curare, se avesse potuto seguire la sua passione…se avesse potuto “stay foolish”, invece che sempre e solo “stay hungry”..

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

 
%d blogger cliccano Mi Piace per questo: