riflessi etici

prospettive cristiane sull'attualità

  • L’avventura continua…

    Dal primo novembre 2011 biblicamente diventa Riflessi etici. Cambiano il nome e il formato grafico, ma l’obiettivo del progetto – dal 2005 – resta lo stesso: cogliere nell'attualità i riflessi etici che emergono dai fatti, dai commenti, dalle proposte, dalle speranze di chi ci sta attorno. Rispecchiando valori che vale la pena di riscoprire pienamente e vivere con coerenza.

    Vi aspetto su riflessietici.wordpress.com

La Bibbia di Tantalo

Posted by pj su 10 novembre 2010

«Le stampe della Bibbia in Cina hanno superato le 80 milioni di copie. La Cina è uno dei Paesi al mondo che hanno il maggior numero di stampe della Bibbia»: con involontaria ironia il sito di China Radio International segnala un record del Celeste Impero.

«Le stampe della Bibbia in Cina – precisa con pignoleria il dispaccio – si dividono in più di 50 tipi, in inglese con la traduzione in cinese, in caratteri braille, versioni coreane, versioni per i bambini, stesure nelle lingue delle etnie minori ed altre ancora. La Cina ha anche creato una rete di oltre 70 punti vendita della Bibbia».

Non bastava la repressione. Ora per i cristiani cinesi le tanto agognate copie della Bibbia diventeranno anche un supplizio di Tantalo: a portata di mano ma irraggiungibili.

media&fede | evangelici.net

2 Risposte to “La Bibbia di Tantalo”

  1. Matteo said

    “A portata di mano” … mica tanto.
    Se considerate che la Cina si estende su di una superficie totale equivalente a 39 volte quella dell’Italia, possedere 70 punti vendita significa che se dovessimo mantenere le stesse proporzioni, in Italia avremmo la bellezza di N°1 o al massimo N°2 punti vendita.

    Altro che Tantalo…. andresti fino a Brindisi da Lecco per una Bibbia?
    Forse sì, ma non in autostrada e con una bella vettura europea!

    Non dimentichiamo che il miliardo e mezzo di persone che vivono in Cina non godono di infrastrutture e mezzi personali comparabili coi nostri…

    E allora il vanto governativo di aver stampato 80 milioni di copie della Bibbia a me suona come una vero e proprio, sprezzante insulto.

    • pj said

      Potremmo aggiungere che le librerie in questione, con ogni probabilità, sono concentrate nei grandi centri urbani, e che farsi riconoscere come cristiani, in Cina, non è propriamente salutare: spero però che queste siano cose già note agli amici che ci seguono.
      Di fronte a una comunicazione surreale come quella proposta da Radio China International non resta che l’ironia.

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

 
%d blogger cliccano Mi Piace per questo: