riflessi etici

prospettive cristiane sull'attualità

  • L’avventura continua…

    Dal primo novembre 2011 biblicamente diventa Riflessi etici. Cambiano il nome e il formato grafico, ma l’obiettivo del progetto – dal 2005 – resta lo stesso: cogliere nell'attualità i riflessi etici che emergono dai fatti, dai commenti, dalle proposte, dalle speranze di chi ci sta attorno. Rispecchiando valori che vale la pena di riscoprire pienamente e vivere con coerenza.

    Vi aspetto su riflessietici.wordpress.com

Parole stonate

Posted by pj su 23 ottobre 2010

Questa è la storia di una di noi. C’era una volta un’artista famosa per la sua voce e il suo talento; un’artista dal passato tormentato, protagonista di un percorso umano e spirituale variegato e complicato, che un giorno ha trovato la risposta alle sue domande, e la soluzione ai suoi problemi, nella fede nel messaggio del vangelo. Come molti di noi, certo: ma, se è vero che siamo tutti uguali davanti a Dio, è altrettanto vero che le scelte di vita di un personaggio famoso fanno più rumore, nel bene e nel male.

Aveva cominciato bene il suo percorso: silenziosa, per molti addirittura troppo, teneva per sé, nella sfera più intima, la sua nuova fede, apprezzata in questo suo approccio da chi conosce la vacuità delle dichiarazioni a effetto, e criticata da chi avrebbe preferito sentir gridare ai quattro venti una “testimonianza” ancora giovane, debole, difficile da conservare in mezzo ai marosi di un ambiente ostile come il mondo dello spettacolo.
Già allora qualche piccolo indizio esteriore, però, dimostrava il suo sincero interesse per Dio, e ci suggeriva che l’artista aveva davvero mosso i primi passi di percorso spirituale.

Poi è arrivato il tempo della testimonianza esplicita, culminata in un disco “dedicato a Gesù”, che tanto fece parlare (e scrivere) i media sulla costanza del suo cammino di fede. Una visibilità notevole, che forse accontentava finalmente anche i catoni più severi.

Per qualche motivo, da allora in poi, qualcosa è cambiato. Non dentro di lei, beninteso: non ci permettiamo di tranciare giudizi facili e dolorosi sul foro interno. Però non possiamo nemmeno ignorare ciò che sanno, e commentano, migliaia di persone. Qualche elemento di disagio è cominciato a serpeggiare di fronte a esternazioni quantomeno eccentriche, dalla “libertà” percepita “correndo nuda sui prati”, fino all’ammissione di possedere “un amantino”.

Sia chiaro, nessuno può pretendere che un artista cristiano parli ai media sempre e solo di fede, infilando due versetti in ogni frase. Ma quel che altresì ci si aspetta da un cristiano artista è che anche quando parla di altro, e soprattutto quando affronta temi sensibili, mantenga contegno e dignità a testimonianza di una prospettiva sulla fede che non riguarda solo i momenti “spirituali”, ma coinvolge in un’etica acconcia tutti i momenti della giornata.

Proprio quell’etica – ma forse basterebbe anche il semplice buonsenso – dovrebbe trattenerci dal dire che “Uno spinello saltuario può anche andar bene. Ma solo per dormire, non certo per vivere”. Non vogliamo escludere l’attenuante della buonafede, in base alla quale probabilmente l’accento si sarebbe dovuto mettere sulla seconda parte della frase; di fronte a un’affermazione così scivolosa, però, l’esperienza che deriva dalla maturità avrebbe dovuto avvisare che tutti si sarebbero concentrati sulla prima parte del periodo, che oggettivamente si presta all’equivoco e (peggio) al rischio di emulazione.

Un mix di inopportunità e ingenuità che lascia perplessi: e, di fronte all’ennesima uscita fuori ordinanza, non possiamo non rilevare che da troppo tempo la nostra artista fa parlare di sé in termini poco adeguati. Forse sarebbe il caso di abbandonare i fuoripista delle dichiarazioni a sorpresa, tornando sul sentiero della sobrietà momentaneamente smarrito.

Nel frattempo, per non rischiare, qualche parola pubblica in meno potrebbe aiutare a dare un’immagine più consona.

3 Risposte to “Parole stonate”

  1. Giovanni said

    Innanzitutto complimenti per aver avuto il coraggio di parlare di questo tema delicato. Ricordo di come alcuni cristiani mi chiedevano di prendere da Internet la testimonianza di questo personaggio per sfruttare la sua immagine a scopo evangelistico. Anche se apprezzavo l’intento, ho sempre scoraggiato questa attitudine di cercare un testimonial. A questo punto sarebbe interessante intervistare chi le è stato vicino in questo percorso, per capire se è stato fatto un discepolato volto ad insegnare cosa significa vivere da cristiani, oppure se si è scelta la via della tolleranza e del compromesso fin dall’inizio, perché si aveva paura di perdere “il pesce grosso”.

  2. RADIOLONDRA said

    Come se agli occhi del Signore la conversione, vera o presunta tale, del personaggio pubblico di turno, fosse più importante di quella della casalinga o dell’operaio metalmeccanico.
    Popolo religioso, sempre alla ricerca di ciò che è eclatante ed eccita gli animi, mentre la vita dello spirito, se mai è nata, scema o defunge.

  3. Luca said

    Diciamo che avere dei “testimonials” famosi è sempre un punto di forza nella pubblicità. Ma nella realtà è sicuramente meglio non dare indebita importanza a questi testimoni. A me, ad esempio, ha dato egualmente fastidio l’affermazione di Kakà che diceva che avrebbe voluto fare il pastore dopo aver appeso le scarpe al chiodo.
    Allora prima di tutto perché ti scegli da solo il tuo ministero, e secondo, perché ti scegli il tempo nel quale vorrai farlo? E perché proprio il pastore, e non il servizio d’ordine o le pulizie in chiesa? E perché lo vuoi fare quando finirai di fare il calciatore? E’più importante il calcio? cosa dici? ah, è vero il calcio paga meglio; ok. Sono d’accordo con te, pastore.

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

 
%d blogger cliccano Mi Piace per questo: