riflessi etici

prospettive cristiane sull'attualità

  • L’avventura continua…

    Dal primo novembre 2011 biblicamente diventa Riflessi etici. Cambiano il nome e il formato grafico, ma l’obiettivo del progetto – dal 2005 – resta lo stesso: cogliere nell'attualità i riflessi etici che emergono dai fatti, dai commenti, dalle proposte, dalle speranze di chi ci sta attorno. Rispecchiando valori che vale la pena di riscoprire pienamente e vivere con coerenza.

    Vi aspetto su riflessietici.wordpress.com

Se Sarah Palin convince Graham

Posted by pj su 25 novembre 2009

Mentre Rick Warren sbarca in Europa per promuovere il suo “Purpose & peace plan” dedicato alle chiese, negli USA un redivivo Billy Graham incontra Sarah Palin.

Vista la sua età – 91 anni – le uscite pubbliche del predicatore più noto del Novecento si sono giocoforza rarefatte, e per questo la presenza della ex governatrice dell’Alaska, nonché ex candidata alla vicepresidenza USA insieme a John McCain, fa ancora più rumore.


Graham ha accolto la Palin e la sua tribù (figli, genitori, zia) nella sua casa nella Carolina del nord, dove ha trascorso un pomeriggio parlando, inevitabilmente, di fede e politica. Narrano le cronache che Sarah Palin gli avrebbe raccontato il suo percorso di fede (la ex governatrice è una fervente pentecostale), chiedendogli nel contempo dei suoi ricordi sui presidenti che il predicatore ha incontrato nel corso del suo lungo impegno ministeriale.

Già, i presidenti: non è un mistero che la Palin punti a candidarsi come prossima inquilina della Casa Bianca; e in quest’ottica dovremo leggere, da ora in poi, i suoi passi. Prima il libro autobiografico, Going rougue, e la sua presentazione in giro per gli USA, accolta da folle di fan entusiasti; ora l’incontro con Billy Graham.

I portavoce naturalmente si sono affrettati a precisare che l’incontro tra i due non aveva il valore di una consacrazione o di un sostegno politico alla Palin, ma sul piano morale è evidente che la cordialità di Graham non conta poco: Graham è un’istituzione e, per quanto l’età avanzi e i possibili successori sgomitino per occuparne il posto, il suo nome vuole dire ancora molto per gli evangelici americani. Si tratta, insomma, di una simpatia che può spostare voti in quantità non irrilevante e potenzialmente risolutiva, come insegna la seconda elezione di G. Bush figlio.

Sull’altro fronte, d’altronde, il feeling non è mai scoccato: Obama è stato accettato con riserva dal mondo evangelico prendendo atto delle sue dichiarazioni di fede, ma la sua freddezza non ha entusiasmato nessuno.

Non sarà d’altronde un caso se l’attuale presidente non ha mai incontrato di persona Billy Graham: nella cerimonia inaugurale dello scorso gennaio Obama ha deciso di sostituire Graham con un pastore dinamico e al passo con i tempi come Rick Warren; anche in seguito, l’unico contatto tra i due è stata una una telefonata di auguri che il presidente ha fatto al predicatore nelle settimane scorse, in occasione del suo compleanno.

Insomma, se Sarah Palin gioca bene le sue carte potrebbe emergere come una alternativa seria per restituire agli evangelici USA una rappresentanza che, oggi, è in cerca di autore. In fondo il traguardo del 2012 è lontano, ma non troppo.

Advertisements

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

 
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: