riflessi etici

prospettive cristiane sull'attualità

  • L’avventura continua…

    Dal primo novembre 2011 biblicamente diventa Riflessi etici. Cambiano il nome e il formato grafico, ma l’obiettivo del progetto – dal 2005 – resta lo stesso: cogliere nell'attualità i riflessi etici che emergono dai fatti, dai commenti, dalle proposte, dalle speranze di chi ci sta attorno. Rispecchiando valori che vale la pena di riscoprire pienamente e vivere con coerenza.

    Vi aspetto su riflessietici.wordpress.com

Armi non convenzionali

Posted by pj su 28 settembre 2009

Finora a indignarsi con Dan Brown, il sopravvalutato autore di “Il codice Da Vinci” e “Angeli e demoni”, era stato soprattutto il mondo cattolico, per quei riferimenti al fantomatico matrimonio tra Gesù e Maria Maddalena, pesanti soprattutto in un romanzo venduto in milioni di copie, che molti lettori hanno confuso con un manuale di teologia e storia del cristianesimo.

Poi, in “Angeli e demoni”, l’attacco era stato ancora più frontale, stavolta sul piano politico, nei confronti del Vaticano, tanto da meritarsi un bando dal territorio della Santa Sede.

Con il terzo volume, “The lost symbol” (Il simbolo perduto), Dan Brown dimostra che l’indignazione non gli fa paura e che forse, anzi, ci marcia: tanto che allarga il fronte delle proteste coinvolgendo nella trama del nuovo romanzo un pastore evangelico, che – udite udite – si converte a un culto pagano.

Uno sgarbo che più di qualche chiesa non ha gradito: come segnala Maurizio Molinari sulla Stampa, «Se per la Chiesa cattolica descrivere Maria Maddalena come la moglie di Gesù equivale a un sacrilegio, l’idea che il monoteismo basato sul testo della Bibbia altro non sia che una imposizione della Chiesa per sconfiggere e far dimenticare il culto di Ra è all’origine di un’impostazione di Lost Symbol che solleva sdegno nelle megachiese».

Brown, come Santoro, sa giocare con l’irritazione dei suoi interlocutori, e anche di chi non vorrebbe avere nulla da spartire con lui. Non dovrebbe preoccupare se uno scrittore, nel tentativo di creare una storia avvincente, avvalora tesi che la storia ha affossato: il complottismo funziona, nella cronaca come nella letteratura. Dovrebbe preoccuparci, semmai, che tesi fantascientifiche vengano percepite come realistiche e verosimili da lettori digiuni di spiritualità: ma questo, ovviamente, è un altro discorso.

Si sa, ogni reazione indignata porta ulteriore pubblicità, ogni libro pubblicato per sostenere una tesi contraria è un volano per il volume da cui prende le distanze.

E allora, forse, semplicemente, Dan Brown merita di essere ignorato; se proprio è necessario ribattere, è il caso di riscoprire un registro comunicativo che abbiamo trascurato per decenni: l’ironia, un arma leggera ed efficace che i guru mal tollerano.

Sarebbe divertente che uno scrittore di successo pronto a godersi torme di predicatori rosi dalla rabbia dovesse, contro tutte le sue aspettative, dare lui stesso in escandescenze per una reazione imprevista da parte delle sue vittime.

Gli spunti per irridere Dan Brown decisamente non mancherebbero. Ma, dopo generazioni passate a prenderci troppo sul serio, siamo ancora in grado di scherzare?

Annunci

5 Risposte to “Armi non convenzionali”

  1. Sandra said

    Se siamo ancora in grado di scherzare? Non lo so, ma possiamo sempre cominciare a farlo, ridendo per gli sforzi che Brown, e non solo lui, fanno per screditare Cristo.
    Per carità, ne capisco le motivazioni, visto che il filone “discredita-cristianesimo” è davvero aurifero, ma Brown e soci non sanno davvero cosa rischiano. Spero lo capiscano per tempo… 🙂

    Uhm, forse, da cristiana, più che ridere dei tipi come Brown, mi sa che è meglio pregare per loro.

  2. simonetta said

    L’ironia e la satira erano molto usate durante la Riforma – reductio ad absurdum.

  3. RADIOLONDRA said

    Come nella ghigliottina del famoso gioco televisivo, ti è capitato di fare un accostamento forzato, anzi forzatissimo, perchè al contrario di Dan Brown, l’odiato Santoro ha il vizietto di dire cose che nel novantanove per cento dei casi risultano verissime.
    Può non piacere lo stile, lo si può accusare di accanirsi troppo verso il Cavaliere, ma Santoro resta uno dei più grandi giornalisti del nostro tempo, seguito e apprezzato anche da persone lontane dalla sua visione politica. Santoro non ha certo bisogno di sollevare polveroni per aumentare l’audience; nel caso poi ne avesse bisogno, lavorano per lui i suoi goffi e corrotti oppositori che si lasciano cogliere sempre con le mani nella marmellata.

    • pj said

      Qualcuno potrebbe rispondere che anche i dati da cui parte Dan Brown sono veri: il problema sono il contesto in cui li pone e le conclusioni cui giunge partendo da lì.

    • Matteo said

      Kapuscinski, Falacci, Terzani… questi erano (al di là delle loro posizioni su questo o quell’argomento) grandissimi giornalisti che il giornalismo e l’informazione l’avevano nel sangue e pure a 360 gradi e non certo i molitici quali Santoro e Fede (per par condicio). Come per fare un parallelismo: non confondiamo Dan Brown con Omero e Virgilio.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

 
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: