riflessi etici

prospettive cristiane sull'attualità

  • L’avventura continua…

    Dal primo novembre 2011 biblicamente diventa Riflessi etici. Cambiano il nome e il formato grafico, ma l’obiettivo del progetto – dal 2005 – resta lo stesso: cogliere nell'attualità i riflessi etici che emergono dai fatti, dai commenti, dalle proposte, dalle speranze di chi ci sta attorno. Rispecchiando valori che vale la pena di riscoprire pienamente e vivere con coerenza.

    Vi aspetto su riflessietici.wordpress.com

Mediamente male

Posted by pj su 4 agosto 2009

Nella sua semplicità è geniale il sistema messo a punto da due studiosi – un matematico e un informatico – per “misurare la felicità” degli americani.

Hanno creato un sistema di algoritmi capace di prendere in considerazione oltre due milioni di blog e utenti twitter, pescando di volta in volta gli interventi che si aprono con “mi sento…” (“I feel…”).

Poi hanno dato ai vocaboli più comuni un punteggio da 1 a 10: “paradiso” o “trionfo”, per esempio, sfiorano il 9, suicidio è sotto il 2.

In base a questo schema i due studiosi sono stati in grado di misurare l’umore degli utenti, e – visti i numeri – fare una media più o meno verosimile del sentimento comune nella pubblica opinione, almeno quella che naviga in rete.

È emerso, per esempio, che la giornata più felice per gli americani negli ultimi anni è stata quella dell’elezione di Barack Obama, mentre la più triste è coincisa con la morte di Michael Jackson: decisamente verosimile.

Ovviamente il calcolo vale solo quando si prende in considerazione un numero cospicuo di utenti: d’altronde non tutti aggiornano il proprio blog ogni giorno, e poi l’umore del singolo è volatile, e varia in base a fattori personali – lutti e momenti lieti – che “influenzano” la classifica con dati statisticamente non rilevanti.

Però, nel suo piccolo, il sistema ha una sua logica, e potrebbe venir applicato anche in altre realtà sociali. Qual è l’umore degli italiani, oggi? E dei francesi?

Badando di restare sui grandi numeri per non compromettere l’attendibilità del risultato si potrebbe verificare il morale di gruppi specifici: gli elettori di un partito, o magari i dipendenti di una multinazionale. O, perché no, dei cristiani.

Si potrebbe scoprire giorno per giorno come stiano, quali siano i loro pensieri, i sentimenti, le aspirazioni. Con il rischio, però, di avere brutte sorprese.

Sì, perché il cristiano coerente dovrebbe sentire ogni giorno il bisogno (e il desiderio) di portare speranza a chi non conosce Dio: e proprio la serenità e la gioia – nel cuore e sul viso – dovrebbero essere le caratteristiche e i risultati più evidenti del suo percorso di fede.

Dovrebbero, ma provate a chiedere a un cristiano “come stai?”. La risposta raramente sarà incoraggiante, o almeno positiva, e molto più spesso si terrà sul vago, con preoccupanti punte di insoddisfazione. Le cause? Stress, stanchezza, problemi nei rapporti di lavoro, piccole questioni quotidiane.

Raramente si tratta di cose serie: chi sta davvero male, anzi, ha una prospettiva mediamente più ottimistica. Il problema è che ci lasciamo condizionare dalla realtà che ci circonda. Una realtà materiale e senza valori, ostile alla fede, cui aderiamo di buon grado anche oltre il necessario, pretendendo però di conservare la serenità spirituale di un asceta, o di ritrovarla e farne scorta alla domenica mattina.

Inevitabilmente non siamo felici né soddisfatti. E non ci sentiamo bene.

E allora no, forse è meglio evitare di misurare la felicità di noi cristiani. Almeno fino a quando, come il re Davide, non saremo in grado di ringraziare Dio per la gioia della sua salvezza.

A prescindere dal resto, dovrebbe essere un ottimo motivo per sciogliere il muso lungo in un sorriso.

Advertisements

Una Risposta to “Mediamente male”

  1. Sandra said

    Già, sarebbe davvero interessante misurare il grado di felicità dei cristiani: chissà che sorprese 🙂

    Però, anche se è vero che a volte noi credenti siamo un po’ tristi, l’importante è che si reagisca nel modo giusto, scacciando tristezza e insoddisfazione attingendo a Dio, che è inesauribile fonte di gioia.

    Che poi, a ben vedere, anche Cristo mostrò la sua tristezza: quando pianse per Gerusalemme e quando pianse per Lazzaro, ma, ovviamente, è stato un sentimento temporaneo, perché lui si affidava al Padre, come dovremmo fare noi. Ogni giorno.

    Ciao.
    Sandra

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

 
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: