riflessi etici

prospettive cristiane sull'attualità

  • L’avventura continua…

    Dal primo novembre 2011 biblicamente diventa Riflessi etici. Cambiano il nome e il formato grafico, ma l’obiettivo del progetto – dal 2005 – resta lo stesso: cogliere nell'attualità i riflessi etici che emergono dai fatti, dai commenti, dalle proposte, dalle speranze di chi ci sta attorno. Rispecchiando valori che vale la pena di riscoprire pienamente e vivere con coerenza.

    Vi aspetto su riflessietici.wordpress.com

Quel messaggio che germoglia

Posted by pj su 2 aprile 2009

«Ho bisogno di Dio e credo nell’amore»: è il titolo di un articolo del Corriere che ieri ha intervistato il cantante Nek.

Nel pezzo si parla anche di fede: lo spunto è il videoclip del suo nuovo singolo, “Se non ami”, brano che, spiega l’autore, ha «scritto dopo aver letto l’Inno alla carità di San Paolo, testo che va alla radice dell’amore, descrivendo come la forza di questo sentimento possa trasformare le persone. Se anche parlassi le lingue degli uomini e degli angeli, ma non avessi la carità, sarei un bronzo risonante o un cembalo squillante, dice San Paolo. Come dargli torto?»

Già, come dargli torto. Certo, questa dichiarazione metterà a disagio i tanti che distinguono la musica cristiana dalla musica secolare, i cantanti cristiani dai cantanti secolari, i talenti cristiani dai talenti secolari.

Se non è credente, come ha potuto comprendere e cantare un passo della Bibbia?

Dio, a volte, lavora con ironia. Illumina con rivelazioni sorprendenti una persona che probabilmente, per i nostri canoni, non considereremmo “credente”. Gli fa capire l’importanza del messaggio divino, la bellezza di un passo biblico, il valore della fede.

Forse non ha ancora fatto una scelta consapevole in questa direzione, ma sta aprendo gli occhi. Troppo poco? Forse per qualcuno di noi, sì; per la Bibbia no.

Il seme ha bisogno di tempo per germogliare, e questo può essere frustrante per chi aspetta.  Ma se il terreno è buono, ci sono tutte le premesse per un buon raccolto, a tempo debito.

Advertisements

3 Risposte to “Quel messaggio che germoglia”

  1. RADIOLONDRA said

    Quello che dovrebbero creare disagio ai puristi, sempre pronti a separare il prezioso dal vile (secondo il loro criterio e non secondo Dio), è il fatto che la maggior parte della musica cristiana prodotta negli ultimi anni è solo volgare scopiazzamento della musica secolare; testi e musica scadenti, che mentre eccitano l’animo, mortificano e distraggono lo spirito.
    Se uno ha solo cominciato a capire la natura di Dio, lo scorge nella vita e nelle parole degli uomini, credenti e non, e se ne rallegra.
    Il più grande cantautore italiano, non aveva tanto il senso delle cose di Dio (anzi qualcuno dei suoi testi appare blasfemo), eppure molte di quelle canzoni sono meravigliose poesie che nobilitano lo spirito più di tanti predicozzi e musica finto-cristiana.

  2. WonderWomen said

    Ma sai che dopo aver visto che sarà presente al concerto dei Hillsong London a Torino , mi sto chiedendo il come, quando e perchè. 🙂
    Sarebbe bello poter sapere qualcosa in più….

    • pj said

      Chissà. Non tutti coloro che hanno una bella esperienza di conversione sono subito pronti per evangelizzare, non tutti i personaggi famosi sono preparati per dare una testimonianza di fede, non tutti i cantanti che si convertono sono chiamati a condurre la lode in chiesa.

      Quindi speriamo bene… bruciare i tempi in questa maniera rischia di bruciare le persone.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

 
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: