riflessi etici

prospettive cristiane sull'attualità

  • L’avventura continua…

    Dal primo novembre 2011 biblicamente diventa Riflessi etici. Cambiano il nome e il formato grafico, ma l’obiettivo del progetto – dal 2005 – resta lo stesso: cogliere nell'attualità i riflessi etici che emergono dai fatti, dai commenti, dalle proposte, dalle speranze di chi ci sta attorno. Rispecchiando valori che vale la pena di riscoprire pienamente e vivere con coerenza.

    Vi aspetto su riflessietici.wordpress.com

Offerte speciali, proposte indecenti

Posted by pj su 2 marzo 2009

«Ne ho dovuti lasciare a casa quaranta», si è sfogato sabato il mio vicino, caporeparto di un’azienda brianzola che produce mobili di qualità. Quaranta persone in cassa integrazione, quaranta famiglie che da oggi dovranno dare una robusta sforbiciata alle spese: non solo quelle superflue, anche quelle che non sono indispensabili ma caratterizzano la qualità della vita.

«Sono tempi duri per tutti», ho risposto con un sospiro alla sua amarezza. «No, non per tutti», ha replicato lui. «Duri per chi rispetta la legge», ha aggiunto.

E così ho scoperto una vicenda tutta italiana dove alcune aziende subiscono controlli precisi e puntuali, mentre altre vengono provvidenzialmente risparmiate.

«Hai presente, alla fine della superstrada?», mi ha chiesto. Sì, c’è il capannone di quella rinomata azienda che produce divani. «Facci caso – ha continuato -: luci sempre accese, lavorano a ciclo continuo, giorno e notte. Tutti orientali, personale con scarse competenze, poche pretese e certo non in regola. Logico che poi possono proporre un divano a 500 euro, mentre da noi costa il doppio».

Da cristiano e da consumatore non ho potuto evitare di interrogarmi. Molto spesso sentiamo proporre campagne di boicottaggio nei confronti di aziende che, dopo aver delocalizzato all’estero, offrono condizioni di lavoro improponibili a donne e minori.

Se la risposta dell’opinione pubblica, di fronte ad abusi così plateali, sembra inevitabile, è molto meno scontata una reazione nei confronti di chi gioca sporco ma senza toccare le categorie che toccano la nostra sensibilità.

Non si può fare a meno di riconoscere che anche l’azienda di cui sopra (quella che impiega stranieri senza offrire le dovute garanzie) ha un comportamento poco trasparente e poco etico, e che da questa sua politica commerciale ingorda discende una crisi le cui conseguenze toccano anche noi, i nostri vicini, i nostri familiari.

E allora, come cristiani, dovremmo fermarci a pensare. Faremmo bene a chiederci se possiamo predicare il “non rubare”, e poi accettare senza troppe remore un secondo lavoro in nero.

Faremmo bene a chiederci se possiamo tenere alta la nostra alterità morale, e allo stesso tempo accettare sconti che di morale hanno poco, perché discendono da un trattamento economico discutibile.

Faremmo bene a chiederci se l’etica che diciamo di vivere e che vogliamo mostrare a chi ci sta attorno possa essere così miope da ignorare bellamente i drammi causati da un’economia malata, per continuare ad avvalerci delle “vantaggiose offerte” proposte da aziende, banche, professionisti di cui non possiamo condividere i metodi, ma i cui prodotti ci fanno comodo.

Sì, forse faremmo bene a riflettere. Perché la coerenza è un valore più prezioso di qualsiasi offerta speciale.

Annunci

3 Risposte to “Offerte speciali, proposte indecenti”

  1. RADIOLONDRA said

    Problema vecchio che negli ultimi anni a causa della globalizzazione, si è enormemente ingigantito. Economia viziata, concorrenza sleale, sfruttamento e lavoro nero. L’articolo mette in evidenza problemi diversi strettamente correlati fra loro. Quanto al doppio lavoro, il secondo quasi sempre in nero, praticato anche da sedicenti cristiani, penso sia una vera piaga, qualcosa di immorale che arreca un danno enorme alla collettività; andrebbe punito con una sanzione più severa di quella che si applica ai rapinatori di banche, che diversamente dai primi, non rubano la possibilità di avere un lavoro onesto e quindi di sopravvivere dignitosamente a nessuno; per non parlare dei tributi non pagati e del danno arrecato alle aziende sane.
    Quanto al dovere di non accettare sconti il discorso diventa più complicato, come si fa a chiedere a un operaio che guadagna dai 1000 ai 1500 euro al mse e che con quelli deve pagare il mutuo o l’affitto, altre rate e provvedere ai bisogni di una intera famiglia, a non accettare un corposo sconto dall’artigiano di turno che gli fa il lavoro in nero, o chiedergli di non risparmare parecchi soldi comprando cineserie ?
    Dovrebbe essere lo stato a toglierlo dall’imbarazzo con interventi mirati alla risoluzione del problema, ma quelle amebe dei nostri rappresentanti hanno cose più importanti a cui pensare.

    • pj said

      Vero. Certi discorsi hanno senso quando si supera la soglia di sopravvivenza. L’importante è che questo non diventi un alibi: quanti si considerano “poveri” tout court, e si permettono con la massima naturalezza cellulari, connessioni veloci, palestra, ristorante?

  2. elisa said

    verissimo a volte ci lamentiamo ma non facciamo ameno…. di andare dalla parrucchiera, dall’estetista, in palestra, ecc…ecc…

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

 
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: