riflessi etici

prospettive cristiane sull'attualità

  • L’avventura continua…

    Dal primo novembre 2011 biblicamente diventa Riflessi etici. Cambiano il nome e il formato grafico, ma l’obiettivo del progetto – dal 2005 – resta lo stesso: cogliere nell'attualità i riflessi etici che emergono dai fatti, dai commenti, dalle proposte, dalle speranze di chi ci sta attorno. Rispecchiando valori che vale la pena di riscoprire pienamente e vivere con coerenza.

    Vi aspetto su riflessietici.wordpress.com

Precoce e disgustoso

Posted by pj su 12 maggio 2008

«È stata un’altra bimba a fare per dispetto il disegno che ha provocato l’allontanamento dei due fratellini dai loro genitori»: lo ha ammesso il papà di uno dei compagni di classe della bimba di Basiglio (MI) che da quasi due mesi vive in una comunità protetta per la decisione delle autorità, dopo aver riscontrato in un suo disegno gli estremi per dire che in famiglia subiva abusi.

La bambina, nove anni, non c’entrerebbe nulla con il disegno e la relativa, esplicita, didascalia: pare infatti sia stata una sua compagna di classe per dispetto a scrivere quelle infamanti parole.

Pare che la grafia non corrispondesse con quella della bambina presunto oggetto di abusi, ma nonostante questo lei e il fratellino sono stati separati dalla famiglia, evidentemente dopo una attenta valutazione degli psicologi e degli esperti incaricati.

Potrebbe risolversi tutto in un tragico abbaglio, e in quel caso potremo parlare di una decisione traumatica presa a cuor leggero da parte delle autorità. Ma di questo, semmai, si parlerà in seguito.

Quel che forse nessuno ha rilevato, ma di cui forse varrebbe la pena stupirsi, riguarda un retroscena banale. Che una bambina di nove anni faccia un dispetto a una coetanea non è strano. È strano, e preoccupante, che una bambina di nove anni si inventi una frase disgustosa anche per un adulto, come “Tizia ogni domenica ha rapporti con suo fratello per cinque euro”. Questo sì che turba, e impone di riflettere sui genitori che questa seconda bambina si ritrova, sui valori che ha assorbito dalla famiglia nei suoi nove anni di vita, sulla sorprendente audacia bacata che la giovanissima ha avuto nello scriverle. E forse anche sui condizionamenti che i media, oggi, impongono una crescita talmente rapida da pregiudicare una maturazione equilibrata.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

 
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: