riflessi etici

prospettive cristiane sull'attualità

  • L’avventura continua…

    Dal primo novembre 2011 biblicamente diventa Riflessi etici. Cambiano il nome e il formato grafico, ma l’obiettivo del progetto – dal 2005 – resta lo stesso: cogliere nell'attualità i riflessi etici che emergono dai fatti, dai commenti, dalle proposte, dalle speranze di chi ci sta attorno. Rispecchiando valori che vale la pena di riscoprire pienamente e vivere con coerenza.

    Vi aspetto su riflessietici.wordpress.com

Quando l’educational parte dalla Bibbia

Posted by pj su 8 febbraio 2008

Bibbia educational: un progetto partito l’anno scorso che, stranamente, continua il suo cammino.
Capiteci: siamo abituati ad annunci faraonici, rivelazioni sconcertanti, dichiarazioni in pompa magna su idee spacciate per vittorie già conquistate. Per questo non avevamo molte speranze in relazione al successo di Bibbia educational, un progetto nato bene come molti altri, ma che come molti altri poteva fermarsi alle buone intenzioni.

Bibbia educational è, scrive La Stampa, «un progetto interculturale e interreligioso per le scuole medie e superiori, che si sviluppa in più anni attraverso un corso multimediale con DVD e Cd-rom rivolto a formare gli studenti alla conoscenza della Bibbia, al dialogo tra cristiani, ebrei e musulmani e all’integrazione sociale»; in un percorso pluriennale si dipanano elementi di storia, filosofia, letteratura, arte, oltre che di conoscenza biblica, in «un’esperienza culturale che… incide nella formazione personale di ognuno e si allarga spontaneamente alla loro stesse famiglie».

Inizialmente Bibbia educational aveva riscosso qualche perplessità da parte dei soliti bastian contrari, coloro che ormai, chiusi nel loro estremismo egualitario, da tempo non sono in grado di esprimere proposte concrete ma solo tristi obiezioni ideologiche.

Dopo l’avvio annunciato a dicembre 2006 i media non si erano più occupati della questione, fino alla bella notizia di oggi: il progetto prosegue, e bene. Il primo anno scolastico ha visto coinvolte 60 scuole laziali, che ora continuano il percorso iniziato; quest’anno si sono aggiunti altri 120 istituti, e in questi giorni sono entrate nel progetto altrettante scuole lombarde.

Il progetto prosegue, quindi. Tra tutti i suoi limiti naturalmente; con tutti i disagi e gli inevitabili distinguo che si possono fare sui contenuti, a partire dai film proposti, con tutte le incongruenze bibliche del caso. Ma, nonostante tutto, prosegue: e con il progetto prosegue la diffusione della cultura biblica nelle scuole.

Come cristiani non possiamo non accogliere la notizia con soddisfazione: sul piano culturale sicuramente gioverà la conoscenza di un testo che è la base della propria civiltà; sul piano umano la conoscenza della Bibbia potrà giovare alla convivenza con le culture diverse; sul piano spirituale non possiamo ipotecare nulla, ma possiamo sperare che la Bibbia riesca a comunicare agli studenti il messaggio di speranza che contiene. Sarà banale ricordarlo, ma se non la conoscessero sarebbe molto più difficile che avvenisse.

Advertisements

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

 
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: