riflessi etici

prospettive cristiane sull'attualità

  • L’avventura continua…

    Dal primo novembre 2011 biblicamente diventa Riflessi etici. Cambiano il nome e il formato grafico, ma l’obiettivo del progetto – dal 2005 – resta lo stesso: cogliere nell'attualità i riflessi etici che emergono dai fatti, dai commenti, dalle proposte, dalle speranze di chi ci sta attorno. Rispecchiando valori che vale la pena di riscoprire pienamente e vivere con coerenza.

    Vi aspetto su riflessietici.wordpress.com

Pessimismi e speranze

Posted by pj su 23 gennaio 2008

Stiamo male, e prevediamo di stare peggio. È questo che emerge da un sondaggio Gallup in 60 Paesi, svolto nei mesi scorsi. Il pessimismo la fa da padrone soprattutto in Europa, e ancora di più in Italia.

I motivi? Economici, naturalmente, per buona parte: non sappiamo dove andremo a parare, i giovani capiscono che «siamo il paese che ha rubato di più alle generazioni future» e cominciano a scontare il disagio con la precarietà lavorativa.

Ma non c’è solo la questione economica: significativa la definizione dell’economista Patrizio Bianchi, secondo cui “soffriamo tutti di labirintite sociale, ma non ci sono pioù muri a cui appoggiarci… sono venuti meno i confini e con essi i parametri su cui avevamo poggiato la nostra visione del mondo”. Una situazione che potrebbe essere uno stimolo, ma che invece induce al pessimismo perché mancano istituzioni capaci di essere una garanzia per tutti noi. Lo Stato non c’è più, i poteri locali sono troppo limitati, l’Europa è ancora un’idea più che una certezza: non è un caso che gli intervistati riconoscano credito a insegnanti e intellettuali a discapito dei politici, cui ormai non si ritiene di poter dare fiducia.

“Resta la speranza che qualcuno ci educhi”: che ci mostri il senso delle cose, che ci dia un quadro del tempo che viviamo, che ci indichi sulla mappa la nostra posizione umana, morale, sociale e la direzione per un futuro migliore. Le figure scelte come riferimento sono significative: insegnanti e intellettuali, coloro che posseggono la conoscenza e dovrebbero saperla trasmettere. Non sono, però, solo insegnanti e intellettuali a poter dare una speranza, e sta a noi cristiani dimostrarlo. Nell’assenza di valori, sta a noi dimostrare che la Bibbia ha le risposte, che Cristo è la risposta ai problemi della nostra società.

Sta a noi dimostrare di avere capito le domande e di avere risposte serie, profonde, convincenti, attuali.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

 
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: