riflessi etici

prospettive cristiane sull'attualità

  • L’avventura continua…

    Dal primo novembre 2011 biblicamente diventa Riflessi etici. Cambiano il nome e il formato grafico, ma l’obiettivo del progetto – dal 2005 – resta lo stesso: cogliere nell'attualità i riflessi etici che emergono dai fatti, dai commenti, dalle proposte, dalle speranze di chi ci sta attorno. Rispecchiando valori che vale la pena di riscoprire pienamente e vivere con coerenza.

    Vi aspetto su riflessietici.wordpress.com

Anatemi kenioti, italiche indifferenze

Posted by pj su 15 gennaio 2008

Un anatema dopo un saccheggio, e la refurtiva torna da dove era sparita: è successo in Kenya. Dopo gli scontri tra polizia e manifestanti nei pressi della capitale Mombasa, nella confusione più di qualcuno aveva pensato bene di approfittare della situazione e portar via i beni contenuti nei negozi, in particolare in un magazzino di materiali da costruzione.

Il titolare, anziché rivolgersi alla polizia, ha chiesto aiuto ai mullah, leader spirituali musulmani della zona, che sono andati giù pesante lanciando una maledizione verso i furfanti: «Riportate tutto… altrimenti la maledizione divina vi colpirà con una morte orribile e spietata. Avrete intestino e vie urinarie bloccati e non potrete andare più al gabinetto».

Voilà: decine di persone hanno cominciato a riportare il maltolto, e non solo chi aveva rubato nel magazzino dell’intraprendente e religioso imprenditore: una vera crisi di coscienza, o meglio, il terrore per le conseguenze dell’anatema, ha convinto anche altre persone a restituire quanto sottratto in altri negozi approfittando degli scontri, nonostante la derisione da parte dei più laici, o miscredenti, che si sono sbellicati dalle risate di fronte alla paura di questi ladri redenti.

Non c’è dubbio, una storia simpatica. Non c’è da dubitare nemmeno dell’efficacia della maledizione: si può non crederci ma esiste e, come avviene per il malocchio, può colpire chi non gode della protezione di Dio.

La vicenda ci fa riflettere, però, più serenamente su un aspetto. In Kenya i ladri riportano il maltolto di fronte all’ingiunzione dei loro religiosi. In Italia i mafiosi, di fronte all’invito a ravvedersi lanciato da vescovi, cardinali e perfino da Giovanni Paolo II (era nel 1992, nella Valle dei templi), continuano la loro esistenza di peccato, i loro affari illegali, i loro omicidi. Semmai si limitano ad appendere qualche santino qua e là. Forse è l’autorevolezza dei capi religiosi a essere diversa, o forse l’approccio dei credenti: se in Kenya si crede davvero a una divinità capace di punire, in Italia si fa finta di niente, probabilmente nella speranza, quando sarà il momento, di poterci patteggiare.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

 
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: