riflessi etici

prospettive cristiane sull'attualità

  • L’avventura continua…

    Dal primo novembre 2011 biblicamente diventa Riflessi etici. Cambiano il nome e il formato grafico, ma l’obiettivo del progetto – dal 2005 – resta lo stesso: cogliere nell'attualità i riflessi etici che emergono dai fatti, dai commenti, dalle proposte, dalle speranze di chi ci sta attorno. Rispecchiando valori che vale la pena di riscoprire pienamente e vivere con coerenza.

    Vi aspetto su riflessietici.wordpress.com

Bilanci e speranze

Posted by pj su 31 dicembre 2007

È stato un anno intenso in campo evangelico, il 2007: come ogni anno, tra luci e ombre.

È stato un anno drammatico come pochi altri di recente: impossibile non ricordare la strage di Malatya, i tre missionari evangelici uccisi in Turchia da un gruppo di giovani integralisti islamo-nazionalisti a aprile scorso (il processo è in corso in questi giorni).
Ma è stato anche l’anno del killer del Colorado, meno di un mese fa, che ha sparato in una sede di Gioventù in missione e in una chiesa locale, provocando quattro morti (e venendo a sua volta ucciso). Impossibile non registrare, come ormai purtroppo dobbiamo fare da anni, gli oltre duecento milioni di cristiani perseguitati nel mondo, che periodicamente salgono agli onori delle cronache – e più spesso agli orrori delle cronache – per pestaggi massacri subiti, chiese bruciate, arresti di massa: India, Uzbekistan, Cina, Afghanistan, Algeria, Nigeria, Corea del Nord, Indonesia sono paesi che abbiamo imparato a conoscere bene, sotto questo aspetto. In Afghanistan un’intera comitiva di volontari evangelici coreani è stata rapita e poi rilasciata, dopo un drammatico periodo di detenzione nel corso del quale hanno perso la vita due credenti.
E, per restare in zona, probabilmente molti di noi hanno ancora negli occhi quel drammatico video amatoriale girato in India, che documenta l’irruzione di un gruppo di giovani estremisti nella casa-chiesa di un pastore evangelico, e il pestaggio feroce dell’uomo.
Uno spiraglio di miglioramento si è avuto a novembre, quando l’Unione europea si è espressa fermamente contro le violenze ai cristiani: una pressione che andrà a toccare i governi locali, spesso complici o quantomeno acquiescenti rispetto alle drammatiche vicende che toccano ai cristiani di quei Paesi.

Non ci sono state solo cattive notizie, però: nel campo della musica abbiamo visto, in Italia, la data del tour dei Delirious, una Ornella Vanoni sempre più esplicita nel parlare della sua fede, la nascita del coordinamento di artisti cristiani “la Piattaforma” per una musica cristiana di qualità, il Christian Artists nella nuova sede di Acquasparta, il concerto Kirk Franklin a Novara, e l’atteso arrivo di Michael Smith a Milano e Napoli.

Anche sul piano sportivo ci sono stati momenti di soddisfazione con le vittorie e – soprattutto – la testimonianza del fuoriclasse milanista Kakà (insieme al suo clamoroso annuncio, che continua a far parlare: “una volta lasciato il calcio vorrei fare il pastore evangelico”), e ancora le interviste sulla conversione di Le Grottaglie: sono solo i due nomi più noti degli Atleti di Cristo, che hanno aiutato anche gli altri atleti cristiani a trovare spazio sui quotidiani locali con la loro vita di fede.

E poi, a proposito di buone notizie, la Bibbia ha raggiunto il traguardo della traduzione in 2426 lingue, milioni di persone sono scese in piazza per la famiglia (in Italia e, ora, in Spagna) o contro il gay pride (in Brasile); a giugno c’è stata la prima manifestazione di piazza dell’Alleanza evangelica, sul tema della laicità, e la “Manifestazione nazionale contro l’esodo e la persecuzione dei cristiani in Medio Oriente e per la libertà religiosa nel mondo”, organizzata il 4 luglio in piazza Santi Apostoli a Roma da Magdi Allam, che a quanto pare tiene ai cristiani perseguitati più di molti cristiani.

Luci e ombre sul piano comunicativo: da un lato il lutto a TBNE per la scomparsa della nota conduttrice, Nora Hall, la chiusura di Voce della Bibbia dopo 46 anni di servizio radiofonico, una Rai sempre allergica alla presenza evangelica e quotidiani che non sempre hanno saputo raccontare al meglio la nostra realtà; dall’altro vanno registrati la nascita della web-tv evanTV, i cinquant’anni di crc che rilancia con il suo impegno e ormai si estende oltre la semplice radiofonia, numerosi articoli competenti, o almeno interessati, relativi alla fede e all’ambiente evangelico italiano.

In una prospettiva più generale possiamo convenire con Paola Mastrocola che nei giorni scorsi sulla Stampa parlava del 2007 come dell’anno della sciatteria: siamo vittime del “fa lo stesso”, ed «è questo “fa lo stesso” che ci degrada e impoverisce, rendendoci poco degni di noi, dei nostri compiti. Niente fa mai lo stesso, e sono proprio i dettagli a segnare la differenza».
Nel 2007 in campo cristiano abbiamo purtroppo visto talenti, doni, conoscenze e professionalità trascurate. Trascurate per colpevole indolenza, giustificata con un fatalistico “tanto Dio provvederà”. Trascurate per una scelta di vita che privilegia il lavoro, e offre a Dio gli avanzi del proprio tempo e delle proprie capacità. Trascurate per orgoglio, seguendo la logica del “meglio un lavoro fatto male da me, che un progetto serio gestito con altri”, che nel 2007 ha fatto fiorire una pletora di progetti cristiani apprezzabili ma velleitari e poco consistenti.

Nessuno di noi è capace di fare tutto, né è chiamato a fare tutto. Siamo chiamati a dare l’eccellenza – in termini di impegno, tempo ed energie – nel nostro campo, e a farlo senza riserve; per il resto, siamo chiamati a operare insieme ad altri, che hanno doni diversi, per compensare le nostre carenze, senza ostinarci a fare quel che non ci è dato di fare.

Sfortunatamente per noi e per il nostro orgoglio autarchico, Dio ci ha voluti come parti di un corpo, e non come particelle di sodio nell’acqua. Potrebbe essere incoraggiante, nel 2008, verificare una seria presa di coscienza in merito.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

 
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: