riflessi etici

prospettive cristiane sull'attualità

  • L’avventura continua…

    Dal primo novembre 2011 biblicamente diventa Riflessi etici. Cambiano il nome e il formato grafico, ma l’obiettivo del progetto – dal 2005 – resta lo stesso: cogliere nell'attualità i riflessi etici che emergono dai fatti, dai commenti, dalle proposte, dalle speranze di chi ci sta attorno. Rispecchiando valori che vale la pena di riscoprire pienamente e vivere con coerenza.

    Vi aspetto su riflessietici.wordpress.com

Inflazione biblica

Posted by pj su 11 dicembre 2007

In Cina sono stati stampati cinquanta milioni di Bibbie in vent’anni: un risultato non da poco, che oltretutto tiene conto solo dei volumi prodotti dall’unica casa editrice cinese autorizzata, e ignora quindi le stamperie illegali e le migliaia di copie che, per vie traverse, giungono dall’estero. Inoltre nell’ultimo anno ne sono state prodotti 6 milioni e mezzo di copie, e la casa editrice – che si occupa solo di testi biblici – ha appena aperto una filiale, con l’intenzione di raggiungere la ragguardevole cifra di un milione di copie al mese: quindi dodici milioni all’anno. Il Giornale, tra lo stupito e il sornione, si interroga: a cosa serviranno mai tutte queste Bibbie, se i cristiani sono trenta milioni? Tantopiù che, come si segnala, «non sono in vendita nelle grandi librerie, ma circolano nelle chiese e attraverso il passaparola tra i cristiani».

Difficile che la libreria investa risorse così ingenti per lavorare in perdita, specie in assenza di una copertura promozionale e di una distribuzione adeguata: elementare, quindi, dedurre che non solo i cristiani sono più del numero ufficialmente ammesso, ma che è anche prevista una crescita massiccia, nonostante la fede cristiana non venga agevolata, e anzi venga discretamente ostacolata. Non sono poche le località nelle quali le Bibbie non arrivano proprio, e i credenti delle varie comunità hanno assunto l’abitudine di alternare il possesso dell’unica copia in dotazione, copiandone nottetempo a mano alcune pagine prima di passarla ad altri credenti in attesa.

Storie di un altro mondo, verrebbe da pensare. Difficile fare il conto del numero di Bibbie possedute da cristiani coerenti nel nostro paese, anche se probabilmente il numero supera quello già alto delle schede telefoniche: tra la copia che dorme sullo scaffale di casa, la copia regalata da chissà chi, la copia donata al momento del matrimonio o del battesimo, la copia lasciata in chiesa per non doverla portare avanti e indietro, la versione elettronica a disposizione nel computer, il numero è alto. Eppure i risultati suonano piuttosto insoddisfacenti, dato che la maggior parte dei cristiani o delle chiese non riescono a uscire dalla logica egoista o localista, e preferiscono concentrarsi su battaglie perse sul fronte interno anziché uscire e confrontarsi con il vero campo di battaglia, il mondo, spinti da quell’amore per una società esagerata e insoddisfatta, che nutre persone in cerca del senso della vita.

Se in Cina le Bibbie non bastano mai e l’istruzione biblica è un desiderio intenso, tra i cristiani occidentali si riscontra un’inflazione: l’offerta supera la domanda, e senza troppi sensi di colpa. Tanto tra qualche giorno sarà di nuovo domenica, e un’altra predica ci laverà la coscienza.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

 
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: