riflessi etici

prospettive cristiane sull'attualità

  • L’avventura continua…

    Dal primo novembre 2011 biblicamente diventa Riflessi etici. Cambiano il nome e il formato grafico, ma l’obiettivo del progetto – dal 2005 – resta lo stesso: cogliere nell'attualità i riflessi etici che emergono dai fatti, dai commenti, dalle proposte, dalle speranze di chi ci sta attorno. Rispecchiando valori che vale la pena di riscoprire pienamente e vivere con coerenza.

    Vi aspetto su riflessietici.wordpress.com

Posizioni ferme

Posted by pj su 30 novembre 2007

Al reverendo Ken Hutcherson, pastore della Antioch Bible Church di Redmond (Seattle) quell’iniziativa non è proprio andata giù: alcune tra le principali aziende americane – Microsoft, Boeing, Hewlett Packard, Nike, per dire la misura – a gennaio 2006 hanno scritto alle autorità dello Stato di Washington per sollecitare ad aggiornare la legge anti-discriminazione. Oggi le voci presenti nelle schedature sono la razza, il sesso, l’età, la disabilità, la religione e lo stato civile – già queste sono domande che in Italia farebbero venire un infarto al garante per la privacy -; secondo le aziende in questione sarebbe opportuno aggiungere alle voci anche l’orientamento sessuale.

La richiesta deve essere sembrata una legittimazione ufficiale dell’omosessualità a più di qualcuno, e uno in particolare, il reverendo Ken Hutcherson, ha deciso di adottare una strategia per fare pressione sulle aziende in questione. Nei mesi immediatamente successivi Hutcherson, la cui chiesa ha sede nella città che fa da quartier generale alla Microsoft, ha cercato di coinvolgere quanti più cristiani possibile in un progetto di indebolimento di Microsoft non tanto attraverso un boicottaggio, quanto facendo traballare il valore in borsa dei titoli: “Dato che sarebbe piuttosto complicato convincere le persone a non acquistare alcuni prodotti – ha ammesso in un’intervista riportata da Punto informatico – è bene concentrarsi sulla Borsa. Acquistando e vendendo velocemente delle azioni si possono certamente provocare gli effetti desiderati”.

Il progetto non è andato a buon fine per la difficoltà di far vacillare un gigante attraverso lo spostamento di un numero di azioni comunque limitato, ma Hutcherson non si è perso d’animo, continuando nei confronti di Microsoft una battaglia che ricorda quella di Beppe Grillo contro Telecom, e nelle settimane scorse ha partecipato all’assemblea dei soci dell’azienda, mettendo in guardia Microsoft contro le sue scelte: “sono il peggior incubo di questa azienda”, ha affermato, «Microsoft non mi fa paura, ho Dio dalla mia parte», e ricordando
“Non mi interessa quanto è grande Microsoft – ha dichiarato ancora -: loro non sono che una piuma nel vento di Dio. L’America è iniziata in pratica con un tea party e Golia, se non sbaglio, fu abbattuto da David, che credeva nella stessa causa in cui credo io. Io intendo inseguire il nuovo Golia con una piccola roccia chiamata titolo azionario e lo farò tremare».

Naturalmente la satira si è scatenata sulla vicenda di questo pastore che sfida il colosso dell’informatica, ma lui continua la sua battaglia, tra ragione e sentimento, logica e fede. Forse suonerà un po’ ruspante nel suo approccio irruento, ma è anche il caso di ricordare che non risulta altri si siano mossi in questa direzione, o che non hanno avuto altrettanto riscontro mediatico: segno che, forse, la strategia era particolare ma non del tutto sbagliata.

E questo, forse, dovrebbe farci riflettere su quante volte noi, invece, preferiamo non alzare la nostra voce e obiettare su quel che vediamo attorno a noi: è successo con i pacs, è successo con la difesa della vita, temiamo succederà in molti altri casi. Troppo difficile muoversi, ancora più difficile farlo in maniera seria. Meglio accamparsi piuttosto che procedere: dopotutto, nel deserto la tenda si pianta senza troppa fatica.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

 
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: