riflessi etici

prospettive cristiane sull'attualità

  • L’avventura continua…

    Dal primo novembre 2011 biblicamente diventa Riflessi etici. Cambiano il nome e il formato grafico, ma l’obiettivo del progetto – dal 2005 – resta lo stesso: cogliere nell'attualità i riflessi etici che emergono dai fatti, dai commenti, dalle proposte, dalle speranze di chi ci sta attorno. Rispecchiando valori che vale la pena di riscoprire pienamente e vivere con coerenza.

    Vi aspetto su riflessietici.wordpress.com

Domande di fede

Posted by pj su 6 novembre 2007

«Addio Enzo Biagi, maestro di giornalismo»; «È morto Enzo Biagi, “voce di libertà”»: sono i titoli che Repubblica e Corriere hanno scelto sui loro siti per salutare il decano dei giornalisti, deceduto serenamente stamattina nella clinica dove era ricoverato da diversi giorni. La sua situazione di salute, a 87 anni e con numerosi acciacchi, erano critiche, anche se – a detta delle figlie Carla e Bice – continuava a essere lucidissimo.

Pochi ormai se lo ricordano inviato della Stampa, molto più noto il suo ruolo televisivo, che gli ha portato più di qualche grattacapo negli ultimi anni; il suo stile posato, il suo immenso archivio di ricordi e di esperienze ne ha fatto un testimone del nostro tempo, che ha raccontato con competenza di sessant’anni di storia partendo da storie semplici e affidandosi a piccole vicende e aneddoti.

Ma Biagi ha parlato, e spesso, anche di fede. Da quanto emergeva dalle interviste e dai suoi commenti, aveva un rapporto profondo e disincantato nei confronti della spiritualità.

In una intervista pubblicata nel libro “Quel che resta di Cristo dopo duemila anni” di Edgarda Ferri, Biagi parla di Gesù Cristo come di «un personaggio insuperato, di grande attualità. Specialmente in tempi bui come i nostri, quando basterebbe un cerino per illuminarci. Lui, comunque è ben più di un cerino. È anche più di una torcia, più di un falò. Quello che ci ha insegnato è ancora insuperato: non c’è nessuno che sia andato oltre alle sue parole».

Era molto colpito, Biagi, dal suo messaggio, anche sul piano sociale: «Gesù Cristo – disse nell’occasione – ha insegnato cose grandi, grandissime. Fra tutte, secondo me, il principio della carità e della giustizia si mette al massimo grado dell’insegnamento della sua dottrina. “Non fare agli altri quello che non vorresti fosse fatto a te”». Era colpito dal messaggio di carità, umiltà, amore, della giustizia nella responsabilità: «C’è un’enorme, totale assuefazione all’ingiustizia e alla colpa: tanto da arrivare a pensare che, quando tutti sono colpevoli, alla fine sono tutti innocenti. Ma è troppo comodo. Questo, significa tradire il Cristo che predicava la giustizia e la responsabilità. Noi ci assolviamo da tutto perché tutti abbiamo trasgredito». Ed era affascinato dalla continuità del vangelo: «Dopo duemila anni di confusione, disattenzione, ingiustizia, mancanza di amore e di carità, il messaggio di Cristo è però ancora vivo».

L’intervista si concludeva con una frase significativa: «In casa mia, fra le mie carte, non tengo immagini di Cristo. Ma tengo il Vangelo. Nel vangelo c’è dentro qualcosa di più di quello che c’è negli altri libri. Inoltre è una lettura stupenda».

Biagi, da buon giornalista, si faceva molte domande, anche sui temi della vita e della fede. Nella serenità della sua dipartita ci permettiamo di sperare che abbia, finalmente, trovato La risposta.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

 
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: