riflessi etici

prospettive cristiane sull'attualità

  • L’avventura continua…

    Dal primo novembre 2011 biblicamente diventa Riflessi etici. Cambiano il nome e il formato grafico, ma l’obiettivo del progetto – dal 2005 – resta lo stesso: cogliere nell'attualità i riflessi etici che emergono dai fatti, dai commenti, dalle proposte, dalle speranze di chi ci sta attorno. Rispecchiando valori che vale la pena di riscoprire pienamente e vivere con coerenza.

    Vi aspetto su riflessietici.wordpress.com

Sensibilità evangeliche

Posted by pj su 17 agosto 2007

Un nuovo capitolo, un nuovo impegno per le chiese evangeliche americane: l’ecologia. Suonerà probabilmente strano che l’attenzione delle comunità si rivolga verso un tema così particolare e non strettamente correlato con il loro mandato, eppure negli Stati Uniti pare ci sia una nuova sensibilità verso la salvaguardia della natura, o se preferite del creato.

Che non sia un impegno prioritario probabilmente nessuno lo mette in dubbio: la chiesa cristiana è chiamata a diffondere il messaggio di riconciliazione con Dio, e le altre posizioni sono strumentali a questo scopo primario: siano esse le discussioni sui diritti civili, sulle libertà, sulla laicità. O sull’ecologia, che non ha una parte indifferente nella vita di tutti noi.

Certo, è questione di essere amministratori saggi di ciò che ci è stato donato; ma non solo. Avere un occhio di riguardo per certi temi, in certi momenti, significa anche saper cogliere le speranze, le esigenze, i problemi della società in cui viviamo. Lo scopo primario del cristiano non è quello di migliorare la società ma chi la compone, suggerendo (e non imponendo) che esiste qualcosa capace di cambiare radicalmente e definitivamente in meglio l’esistenza di ogni essere umano. Questo non significa garantirgli salute, ricchezza, prosperità materiale, libertà, democrazia, cibo sano o una natura più pulita. Anche se non sempre sono state sentite come priorità, la chiesa oggi può (e deve) schierarsi contro la schiavitù, come anche a favore l’unicità dell’essere umano, o ancora per la valorizzazione di uno stile di vita sano, ma non sempre la sensibilità sociale si è concentrata su questi diritti: anzi, talvolta sono stati proprio le chiese, le missioni, o singoli cristiani a dare il “la” per uno sviluppo sociale in quelle direzioni.

Ovviamente questo non cambia la sostanza: saremmo venditori di fumo se pretendessimo di garantire risultati materiali alla promessa biblica della salvezza e di una vita (spiritualmente) migliore; sarebbe poi addirittura fuorviante per la nostra missione se queste diventassero priorità nella nostra agenda di cristiani. Ma non dobbiamo nemmeno dimenticare che siamo chiamati anche a essere buoni cittadini, lumi, esempi. Forse nel primo Novecento non si sarebbe badato a della spazzatura buttata per la strada; oggi non è propriamente un esempio di buona educazione o di comportamento esemplare, e farlo porta alla riprovazione sociale. Succede in molti campi: il rispetto reciproco, la serietà negli impegni e mille altri aspetti della vita quotidiana. Tra cui la sensibilità ambientale.

Per il cristiano l’esempio, e la testimonianza, passa quindi oggi anche attraverso il rispetto di tematiche come queste. Trascurarlo potrebbe significare perdere occasioni di essere visti come la luce che la Bibbia ci chiama a essere.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

 
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: