riflessi etici

prospettive cristiane sull'attualità

  • L’avventura continua…

    Dal primo novembre 2011 biblicamente diventa Riflessi etici. Cambiano il nome e il formato grafico, ma l’obiettivo del progetto – dal 2005 – resta lo stesso: cogliere nell'attualità i riflessi etici che emergono dai fatti, dai commenti, dalle proposte, dalle speranze di chi ci sta attorno. Rispecchiando valori che vale la pena di riscoprire pienamente e vivere con coerenza.

    Vi aspetto su riflessietici.wordpress.com

Lasciate che i piccoli

Posted by pj su 30 luglio 2007

Interessante l’iniziativa della chiesa valdese di Milano, che ha fatto un ragionamento molto semplice: se i nostri figli sono spesso ospiti dei loro amici all’oratorio, perché non ricambiamo anche noi, ospitando una volta gli amici dei nostri figli per presentare la nostra realtà?

Detto, fatto: una quarantina di bambini di altra tradizione religiosa ha avuto l’occasione di varcare per la prima volta la soglia del tempio valdese. Ad accoglierli uno staff di monitori e responsabili della chiesa, che hanno allestito un percorso a tappe. Le panche, dove i ragazzi hanno scoperto come pregano gli evangelici; il pulpito, dove hanno compreso quale sia la struttura degli incontri; il tavolo della santa cena, per comprendere il significato di questo ricordo; e poi la cantoria, dove è stato illustrato il ruolo della musica nella liturgia protestante, il fonte battesimale, la colletta e così via.

I ragazzi, allievi delle elementari e di prima media, oltre a divertirsi nel vedere qualcosa di molto diverso dal solito, si sono dimostrati interessati, ponendo domande sulle varie fasi della visita. Probabilmente per quei quaranta ragazzi la chiesa evangelica non sarà più una “setta”, ma una realtà trasparente e degna di rispetto.

Chissà, se avessimo cominciato a organizzare incontri di questo genere vent’anni fa, magari oggi non saremmo guardati con tanta diffidenza. Peccato che anche oggi l’iniziativa della chiesa valdese sia più unica che rara: se ci muovessimo in questa direzione almeno oggi, potremmo sperare in un futuro un po’ più roseo. La convivenza, la conoscenza, il rispetto, la tolleranza cominciano anche da un semplice open day offerto a un gruppetto di bambini.

Advertisements

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

 
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: