riflessi etici

prospettive cristiane sull'attualità

  • L’avventura continua…

    Dal primo novembre 2011 biblicamente diventa Riflessi etici. Cambiano il nome e il formato grafico, ma l’obiettivo del progetto – dal 2005 – resta lo stesso: cogliere nell'attualità i riflessi etici che emergono dai fatti, dai commenti, dalle proposte, dalle speranze di chi ci sta attorno. Rispecchiando valori che vale la pena di riscoprire pienamente e vivere con coerenza.

    Vi aspetto su riflessietici.wordpress.com

Giochi istruttivi

Posted by pj su 3 maggio 2007

Capita a volte di sorridere di una notizia, per poi pensare che in fondo è più interessante di quanto sembri a un primo sguardo. Ci è capitato quando ci siamo confrontati con l’iniziativa dell’azienda cristiana “Learn the Word”, che negli USA – e dove, altrimenti? – ha ideato e prodotto la linea di peluche “Bible buddies”. Questi “compagni biblici” sono pupazzi di stoffa, come quelli che tutti i bambini hanno in casa, e rappresentano vari animali: il primo della serie è un ippopotamo, Joyful Joe Hippo.
Cosa li distingue dai tanti peluche in commercio? Che questi parlano. Anzi, più precisamente fanno parlare di Bibbia: Joyful Joe Hippo infatti propone ai bambini messaggi vocali legati ai valori cristiani e ai versetti biblici, integrandoli con raccomandazioni a comportarsi bene.

L’ennesima americanata? Probabilmente sì, ma non più dei tanti giocattoli che troviamo sul mercato. I pupazzi parlanti non sono una novità, già vent’anni fa c’era l’orsetto raccontastorie (a cassetta, all’epoca), e c’era il bambolotto che piangeva e chiamava mamma.

Se la tendenza è questa, tanto vale sfruttarla nel modo migliore, si sono detti i manager di “Learn the Word”, e non è un caso se il nome dell’azienda significa “Impara la Parola”. I versetti proposti da Joyful Joe Hippo sono una ventina e vanno dal celebre Giovanni 3:16 a passi di Salmi, Proverbi, dalle lettere e dai vangeli. Insegnano a credere per ottenere la salvezza, a confidare in Dio nella paura, a obbedire a Dio, a essere coraggiosi, e così via; vengono proposti anche i frutti dello Spirito, e in fondo è una mossa commerciale: dopo Joyful Joe Hippo infatti sono in programma altri otto “buddies” ispirati proprio a pace (un ranocchio), fede (un cagnetto), amore (un topo), bontà (un orsetto), pazienza (una tartaruga), autocontrollo (un elefantino), benignità (un papero), dolcezza (un coniglietto).

Naturalmente il peluche non sostituisce l’istruzione familiare, la lettura e tutti gli altri metodi che aiutano a familiarizzare con la Bibbia. Se però un pupazzo può facilitare l’apprendimento di versetti importanti, che accompagneranno il bambino per tutta la vita, prima di criticare l’operazione c’è da chiedersi piuttosto: “perché no?”.

—————————-

Da non perdere:
musica&parole, in diretta ogni giorno dalle 10 alle 11 su crc.fm
– I commenti quotidiani di media&fede

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

 
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: