riflessi etici

prospettive cristiane sull'attualità

  • L’avventura continua…

    Dal primo novembre 2011 biblicamente diventa Riflessi etici. Cambiano il nome e il formato grafico, ma l’obiettivo del progetto – dal 2005 – resta lo stesso: cogliere nell'attualità i riflessi etici che emergono dai fatti, dai commenti, dalle proposte, dalle speranze di chi ci sta attorno. Rispecchiando valori che vale la pena di riscoprire pienamente e vivere con coerenza.

    Vi aspetto su riflessietici.wordpress.com

Ruoli invertiti

Posted by pj su 26 marzo 2007

Il giornalismo fazioso non è di moda solo dalle nostre parti: negli USA gli emuli di Michael Moore (protagonista peraltro di una irresistibile parodia a Sputnik, su Italia 1) sparano a destra e a manca, ma soprattutto alla destra religiosa. Stavolta tocca agli evangelici, finiti nel mirino di un documentario della giornalista Alexandra Pelosi. Il cognome non vi è nuovo? Certo, è la figlia di Nancy Pelosi, speaker del Congresso dopo la vittoria dei democratici alle recenti elezioni di medio termine.

Del documentario ha parlato Stefano Pistolini sul quotidiano Il Foglio, spiegando che la figlia del presidente del Congresso degli Stati uniti ha attaccato gli evangelici in un documentario dal titolo “Friends of God”, dove, enfatizzando sapientemente gli aspetti più bizzarri ed esasperati, e sorvolando sul resto, si mettono alla berlina quegli ottanta milioni di credenti USA che hanno il difetto (tutto il mondo è paese) di non sapersi rapportare nel modo giusto con i media.

Scrive tra l’altro Pistolini che “per la Pelosi il pianeta degli evangelici va visitato così, restando sull’increspatura visibile del fenomeno: sottolineando quanto siano buffi, cafoni, creduloni, inguaribilmente provinciali e tendenzialmente pericolosi».

Si coglie, nelle parole di Pistolini, fastidio per lo snobismo che pervade il lavoro della Pelosi, secondo la quale, scrive, «gli evangelici possono anche continuare a essere un colorito pezzo d’America, ma soltanto a patto di restar confinati nella bizzarria» di parchi biblici a tema, minigolf evangelici e megachiese dai culti coloriti.

«Altre domande – spiega Pistolini – la giornalista non se ne fa, fasciata nel suo impermeabilino manhattanite: non parla della spirito di solidarietà che anima la comunità, non accenna alla capacità di agire a sostegno di chi ha bisogno. Non s’insospettisce neppure per quell’atmosfera di serenità e palpabile benessere, che si respira in mezzo a questa gente, che comunica un’imbarazzante positività».

«Sono 80 milioni – conclude Pistolini -, ci credono, sono rassegnati a essere fraintesi, ma chiedono d’essere rispettati.
“Friends of God” invece è un’inchiesta miope e snob. C’è una moltitudine che va altrove: liberi di ignorarne le motivazioni. Ma limitarsi a sfotterli è davvero un piano oscurantista».

Una giornalista americana spara a zero sugli evangelici, senza avere capito il loro contesto e – forse – nemmeno il senso della fede. Un giornalista italiano, secolare, li difende. Una partita a ruoli invertiti. Anche se è triste che, in Italia come negli USA, a difendere gli evangelici debbano essere sempre altri, onesti estimatori, e che il movimento – troppo preso a dividersi – non sia in grado di esprimersi da sé.

—————————-

Analisi, commenti e riflessioni sui temi del momento nel programma musica&parole: dal lunedì al venerdì, dalle 10 alle 11 sulle frequenze di crc.fm.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

 
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: