riflessi etici

prospettive cristiane sull'attualità

  • L’avventura continua…

    Dal primo novembre 2011 biblicamente diventa Riflessi etici. Cambiano il nome e il formato grafico, ma l’obiettivo del progetto – dal 2005 – resta lo stesso: cogliere nell'attualità i riflessi etici che emergono dai fatti, dai commenti, dalle proposte, dalle speranze di chi ci sta attorno. Rispecchiando valori che vale la pena di riscoprire pienamente e vivere con coerenza.

    Vi aspetto su riflessietici.wordpress.com

Soldi e Bibbia

Posted by pj su 23 marzo 2007

«La mini-predicatrice tutta Bibbia e dollari»: ne parla Paolo Manzo, inviato dalla Stampa a San Paolo, che ha scoperto una tale Ana Crolina Lucena Dias, classe 1994, la “più giovane predicatrice del Brasile”, che già a otto anni infiammava la chiesa di (guarda caso) suo padre. Nel messaggio riportato dal giornalista, la giovane incitava alla fedeltà a Dio. Che però non si esplicitava nell’amore per il prossimo, nella diffusione del messaggio di speranza, nella crescita spirituale: no, si esprimeva “donando una parte dei vostri guadagni”. Un tema, quello dei soldi, che sta particolarmente a cuore alle tante realtà neoevangeliche nate in Brasile (ma non solo in Brasile) negli ultimi anni, sulla scia delle promesse del vangelo della prosperità, che – a scanso di equivoci – è solo una copia sbiadita e parziale e del vangelo di Cristo, che ogni credente è chiamato a diffondere.

Solo un commento è possibile: che tristezza. È triste veder usare un bambino, a prescindere dal contesto. Vederlo usare per scopi poco nobili, poi, è un’aggravante.

È ancora più triste però veder trattare la fede cristiana come un prodotto dei tanti, come un barattolo di pomodori, un’auto, un’assicurazione: un prodotto dove uno dei primi argomenti che si affrontano – prima ancora della salvezza, prima della speranza, prima dell’amore – sono i soldi. Soldi che, ovviamente, finiscono nelle tasche dei predicatori, e vengono usati come un plateale insulto alla povertà di chi dona con fede.

Tristemente, questo sta diventando un trend preoccupante e diffuso. In questi casi sì, non possiamo dare tutti i torti ai media che parlano di “sette” e non di chiese. Ma meglio ancora, parleremmo di attività commerciali.

—————————-

Analisi, commenti e riflessioni sui temi del momento nel programma musica&parole: dal lunedì al venerdì, dalle 10 alle 11 sulle frequenze di crc.fm.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

 
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: