riflessi etici

prospettive cristiane sull'attualità

  • L’avventura continua…

    Dal primo novembre 2011 biblicamente diventa Riflessi etici. Cambiano il nome e il formato grafico, ma l’obiettivo del progetto – dal 2005 – resta lo stesso: cogliere nell'attualità i riflessi etici che emergono dai fatti, dai commenti, dalle proposte, dalle speranze di chi ci sta attorno. Rispecchiando valori che vale la pena di riscoprire pienamente e vivere con coerenza.

    Vi aspetto su riflessietici.wordpress.com

Un caffè contro la pigrizia

Posted by pj su 16 febbraio 2007

“Caffè versato”, quattro amici e un prof al bar: a due passi dall’università Cattolica di Milano un docente sfida la “pigrizia intellettuale”.

Si tratta di un’idea covata a lungo e lanciata nel 2003 agli studenti da un docente di letteratura, Giuseppe Langella: ogni mercoledì pomeriggio in un bar del centro un gruppo di giovani, insieme al docente universitario, si incontra per discutere. Discutere di letteratura, cinema, classici, novità, temi esistenziali. L’idea, naturalmente, non è nuova, e richiama la nobiltà culturale dei caffè letterari ottocenteschi, laboratori di idee dove si confrontavano grandi pensatori in un periodo effervescente di idee, spunti, novità culturali e sociali. Onore al merito del docente, che ha saputo stimolare gli studenti (e non solo, perché il gruppo è composito e comprende anche persone esterne al mondo accademico) a incontrarsi per confrontarsi e arricchirsi a vicenda.

Si è trattato di una sfida, vinta, a uno dei mali – nemmeno troppo minori – del nostro tempo: la pigrizia intellettuale, che porta gli individui ad allinearsi acriticamente con le posizioni della maggioranza, a non pensare, a evitare ogni confronto che non sia fatto di luoghi comuni e che possa portare a qualche conclusione concreta, che possa mettere in discussione le poche e labili certezze cui ancora ci si può aggrappare. Più comodo, naturalmente, vivere una vita culturalmente piatta, dove i problemi si mettono in stand-by appena la suoneria del nuovo cellulare annuncia l’arrivo di un sms. Più comodo, ma solo sul breve periodo: perché, ahiloro, l’essere umano è portato a interrogarsi, e proprio in questo si distingue dall’animale. Le domande emergono, volenti o nolenti. Si possono narcotizzare, sedare momentaneamente. Si possono liquidare con risposte banali, magari mutuate dal (carente) pensiero maggioritario. Si può perfino dimenticarle, ubriacandosi di emozioni effimere. Ma sono destinate, queste domande, a riemergere periodicamente, rodendo la sostanza di cui sono fatte le passioni e lasciando, così, un desolante vuoto dentro all’anima.

Spiace notare che questo succede, talvolta, anche nelle chiese, specie tra i giovani. Gli incontri dedicati a loro molto spesso ricalcano schemi che non cambiano dagli anni Sessanta, ignorando il concetto di interattività se non per porre qualche domanda di maniera sul tema biblico di turno. La società non stimola a riflettere, la chiesa nemmeno. E la pigrizia intellettuale, in questo ultimo caso ammantata da qualche cristiana convinzione, si fa largo. Interessante quindi, da questo punto di vista, l’unica regola del “Caffè versato”: ogni partecipante è tenuto a portare un testo o un argomento su cui discutere. Il rischio è degenerare in un talk show, ma solo se il moderatore non è capace di ricevere e rimpallare i temi, incanalando la discussione: se invece è ricettivo, la discussione si può snodare serena e costruttiva. Anche in chiesa. Arricchendo tutti i partecipanti e dando nuova linfa agli incontri dei giovani.

Confrontarsi è essenziale, specie per i giovani di oggi; confrontarsi senza avere paura di interrogarsi anche su questioni scomode, su temi che impegnano i filosofi da millenni. Senza luoghi comuni, soluzioni preconcette, frasi fatte: anzi, magari cominciando proprio con una profonda riflessione sulle frasi che ormai consideriamo acquisite, ma di cui abbiamo scordato il significato.

—————————-

Analisi, commenti e riflessioni sui temi del momento nel programma musica&parole: dal lunedì al venerdì, dalle 10 alle 11 sulle frequenze di crc.fm.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

 
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: