riflessi etici

prospettive cristiane sull'attualità

  • L’avventura continua…

    Dal primo novembre 2011 biblicamente diventa Riflessi etici. Cambiano il nome e il formato grafico, ma l’obiettivo del progetto – dal 2005 – resta lo stesso: cogliere nell'attualità i riflessi etici che emergono dai fatti, dai commenti, dalle proposte, dalle speranze di chi ci sta attorno. Rispecchiando valori che vale la pena di riscoprire pienamente e vivere con coerenza.

    Vi aspetto su riflessietici.wordpress.com

Teenager alla ricerca

Posted by pj su 15 febbraio 2007

I nostri adolescenti sono tra quelli più felici in Europa. Hanno una famiglia (con cui pranzano) e vivono un buon rapporto, ascoltati dai genitori; meno bene gli amici, che per metà dei teenager intervistati non sono “gentili e disponibili”, anche se sappiamo che a quell’età è normale non essere soddisfatti degli altri. Stupisce, quindi, che la famiglia sia ritratta in maniera così favorevole.

Niente a che vedere con i britannici, che sono in situazioni molto più drammatiche, una vera “nuova gioventù bruciata”.

Eppure. Eppure, nonostante la situazione apparentemente felice, ci ritroviamo con fenomeni adolescenziali preoccupanti. Fenomeni di bullismo; mancanza di rispetto e addirittura casi di violenza sugli insegnanti; vandalismi; un’affettività precoce e bruciata tra bravate ed esibizionismi.

Le famiglie danno quel che possono, quel che hanno; parlano con i figli, ma sappiamo che oggi si riesce a parlare per ore senza dire nulla. Probabilmente non hanno ciò di cui i figli hanno bisogno: valori, principi, punti fermi. Per questo per sentirsi grandi hanno poi bisogno di maltrattare gli altri per crearsi un ruolo sociale; di contestare la massima autorità che conoscono, l’insegnante, per darsi un tono; di dimostrarsi capaci di “fare come i grandi”, imitando i modelli commercialmente sensuali della televisione, confinandosi a vivere in uno spot perenne.
Hanno un vuoto dentro che le famiglie non riescono a riempire, perché, in un’epoca di relativismo e superficialità, non hanno più le risposte alle tante domande dei figli.

C’è da chiedersi, allora, se come cristiani stiamo facendo abbastanza per raggiungere in maniera appropriata i giovani, per aiutarli a riempire quel vuoto con una risposta, con LA risposta. Oppure se, legati ai nostri schemi, non capiamo il loro bisogno e pretendiamo che loro ci capiscano a prescindere.

—————————-

Analisi, commenti e riflessioni sui temi del momento nel programma musica&parole: dal lunedì al venerdì, dalle 10 alle 11 sulle frequenze di crc.fm.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

 
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: