riflessi etici

prospettive cristiane sull'attualità

  • L’avventura continua…

    Dal primo novembre 2011 biblicamente diventa Riflessi etici. Cambiano il nome e il formato grafico, ma l’obiettivo del progetto – dal 2005 – resta lo stesso: cogliere nell'attualità i riflessi etici che emergono dai fatti, dai commenti, dalle proposte, dalle speranze di chi ci sta attorno. Rispecchiando valori che vale la pena di riscoprire pienamente e vivere con coerenza.

    Vi aspetto su riflessietici.wordpress.com

Creazionisti da museo

Posted by pj su 15 novembre 2006

“Il parco giochi anti Darwin” è stato visitato dalla giornalista della Stampa, Giovanna Zucconi; si tratta di un museo creazionista, aperto vicino a Cincinnati (ovviamente negli Stati Uniti), con lo scopo di convincere che “La Bibbia è vera, non ci sono dubbi!”, mentre le teorie dell’evoluzione sono una “velenosa bufala”, come scrive la Zucconi. 17mila metri quadrati per 25 milioni di costo, una squadra di operai cui è stato richiesto, per contratto, di credere nel creazionismo.

Per chi non sia addentro all’argomento, il creazionismo è quella corrente di pensiero, di origine cristiana, che crede fermamente nella creazione dell’universo (e di tutto ciò che contiene) da parte di Dio, e la creazione delle specie così come le vediamo oggi; si oppone all’evoluzionismo, che invece sostiene la teoria dell’origine casuale di tutto, e della successiva evoluzione delle specie. Questo, ovviamente, semplificando, perché le posizioni sono articolate su entrambi i fronti: ci sono, per esempio, creazionisti che credono fermamente nella creazione in sei giorni solari, e altri che considerano i sei giorni citati nella Genesi come ere, ci sono evoluzionisti che credono in Dio ma nonostante questo ritengono che un’evoluzione delle specie ci debba essere stata.

Di musei sull’evoluzionismo ce ne sono, specie se, per estensione, consideriamo la scienza stessa come una ricerca in chiave evoluzionista; l’idea di un museo creazionista è tutto sommato una contraddizione in termini, dato che – se la Bibbia ha ragione – è inutile cercare appigli scientifici per confermare la fede, dato che la fede si basa proprio sulla “dimostrazione di cose che non si vedono”. La scienza può essere utile, questo sì, per comprendere meglio l’azione divina: proprio cinquant’anni fa usciva un libro, purtroppo esaurito e fuori produzione, di uno studioso, Keller: si intitolava “La Bibbia aveva ragione” e dava una dimostrazione scientifica alle affermazioni delle Sacre Scritture.

Meno utile, e forse controproducente, è invece forzare la scienza a dimostrare la fede: definire i T-Rex “il terrore scatenato dal peccato di Adamo”, o sostenere posizioni revisioniste e semplicistiche sugli ominidi (qualsiasi cosa siano) non è confermare la Bibbia, ma sceneggiarla. Non abbiamo bisogno di giustificare la Bibbia: qualcuno ha tentato di sostenere l’Arca del Patto, e non è finita bene. Semmai, questo sì, nostro compito è quello di farla ascoltare, la Bibbia, esponendola nel modo più corretto, preciso, competente, attinente al contesto. Le esagerazioni rischiano di provocare l’effetto opposto, e far considerare noi come cristiani da parco giochi, inverosimili e fastidiosamente faciloni. E la nostra fede come una congerie di amenità di dubbia origine.

—————————-

Analisi, commenti e riflessioni sui temi del momento nel programma musica&parole: dal lunedì al venerdì, dalle 10 alle 11 sulle frequenze di crc.fm.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

 
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: