riflessi etici

prospettive cristiane sull'attualità

  • L’avventura continua…

    Dal primo novembre 2011 biblicamente diventa Riflessi etici. Cambiano il nome e il formato grafico, ma l’obiettivo del progetto – dal 2005 – resta lo stesso: cogliere nell'attualità i riflessi etici che emergono dai fatti, dai commenti, dalle proposte, dalle speranze di chi ci sta attorno. Rispecchiando valori che vale la pena di riscoprire pienamente e vivere con coerenza.

    Vi aspetto su riflessietici.wordpress.com

Non è un gioco

Posted by pj su 9 novembre 2006

E ora anche “Gli esclusi” ha il suo videogame. Fa parte di una tattica di marketing ormai consolidata: quelli che escono non sono semplici film, ma veri fenomeni di costume. Una volta, al massimo, si trovavano un paio di peluche dedicati ai protagonisti o qualche modellino delle astronavi presenti nella pellicola; ora, invece, l’attenzione per programmi, film, reality è a 360 gradi e comprende siti internet, forum per i fans, cd con i brani o le colonne sonore, giochi di ruolo, libri (una volta era il contrario: dal libro nasceva il film), gadget, guide e diari dei protagonisti (come per “Notte prima degli esami”), giornali dedicati, pubblicazione successiva di “dietro le quinte” e stralci inediti (come per il “Codice da Vinci”), interazione con i protagonisti. E, non ultimi, ecco i videogiochi relativi ai film d’azione. “Left behind” decisamente ispirava uno sviluppo elettronico: troppo appetitoso, per lasciarlo sfuggire, il tema del confronto tra bene e male, dei fatti (o supposti fatti) degli ultimi tempi, di quando i cristiani verranno rapiti in cielo e sulla terra comincerà la tribolazione.

“Left behind” è una nutrita collana, ormai, e anche di film; sui contenuti, sul mix tra profezie bibliche e fantasia, sull’interpretazione arbitraria dei testi apocalittici si può discutere a lungo, e già si discute da lungo tempo (negli appositi forum, ovviamente). Sarebbe inutile stare a parlarne, se l’Apocalisse risulta criptica un motivo ci sarà.

Però è interessante vedere come si può banalizzare in chiave elettronica aspetti importanti e delicati come quelli della vita cristiana: “Ai giocatori è richiesto di reclutare, e convertire, un esercito che dovrà sostenere un conflitto fisico e spirituale con l’anticristo e i seguaci del male. Lungo la strada, i giocatori raccolgono punti spirituali che sono essenziali per la vittoria”.

Convertire, visto dal computer, sembra quasi un gioco. Certo, si parla di ultimi tempi e di fatti che non viviamo ancora, ma la semplificazione resta la stessa. Portare il vangelo non è una battaglia: sarebbe troppo facile. È qualcosa di più complesso, che richiede attenzione al contesto, preparazione biblica, cura dei particolari, psicologia per comprendere il bisogno di chi sta di fronte a noi. E, soprattutto, portare il messaggio del Vangelo che richiede amore per la persona che non conosce Dio, compassione, sim-pathia, nel senso greco di coinvolgimento nei suoi problemi: non, quindi, sentimenti di vendetta, di conquista, di rapina.

Il messaggio del vangelo non è un assalto alle anime, è un massaggio alle anime.

—————————-

Analisi, commenti e riflessioni sui temi del momento nel programma musica&parole: dal lunedì al venerdì, dalle 10 alle 11 sulle frequenze di crc.fm.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

 
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: