riflessi etici

prospettive cristiane sull'attualità

  • L’avventura continua…

    Dal primo novembre 2011 biblicamente diventa Riflessi etici. Cambiano il nome e il formato grafico, ma l’obiettivo del progetto – dal 2005 – resta lo stesso: cogliere nell'attualità i riflessi etici che emergono dai fatti, dai commenti, dalle proposte, dalle speranze di chi ci sta attorno. Rispecchiando valori che vale la pena di riscoprire pienamente e vivere con coerenza.

    Vi aspetto su riflessietici.wordpress.com

Tra progresso e dipendenza

Posted by pj su 29 giugno 2006

Sono messi male gli studenti sudcoreani: da una recente ricerca il cellulare è considerato dalla maggioranza come indispensabile e ineliminabile dalla propria vita.

Quando la comunicazione diventa dipendenza, il progresso diventa un disagio. O meglio: progresso ed elettronica, come qualsiasi altro aspetto della vita e della società, sono fattori neutri, che vestiamo di utilità o di problematiche attraverso il nostro approccio. Forse qualcuno ancora ricorda la vita ai tempi del gettone telefonico: affascinante, a vederla oggi, ma scomoda sotto molti punti di vista. Prendere un appuntamento e aspettare, senza poter sapere se la persona arriverà perché, da quando si esce di casa, si è irreperibili.
Difficile farsi raggiungere, e in certi momenti la cosa diventava davvero critica: ma non c’era alternativa, né immaginavamo ci potesse essere.

Oggi è il contrario: nemmeno si suona più al campanello, si dà uno squillo al cellulare, che a sua volta suona come un’orchestra. Messaggi, chiamate, squilli infestano l’audio delle nostre giornate, e catturano la nostra attenzione: se ci sono, perché ci impegnano; se non ci sono per troppo tempo, perché ci preoccupiamo che il cellulare non funzioni o non prenda.
Rischiamo la dipendenza, a quanto pare. E qui l’essere umano dotato di raziocinio dovrebbe mettere in campo l’uso dell’intelligenza. Fino a che punto dire di sì? Il cellulare è comodo quando serve, ma rischia di non permetterci più un periodo ragionevole di concentrazione. Se suona, disturba; se non suona, ci distraiamo comunque preoccupati per l’inusitato silenzio. Stiamo diventando sempre più superficiali, e – in fondo – non sappiamo più dire di no, nemmeno a una macchina, con tutte le conseguenze del caso. Allora forse è il caso di chiedersi se è ancora il cellulare a servire noi, oppure viceversa. E agire di conseguenza.

—————————-

Analisi, commenti e riflessioni sui temi del momento nel programma musica&parole: dal lunedì al venerdì, dalle 10 alle 11 sulle frequenze di crc.fm.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

 
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: